Privacy: Cassazione, dopo parto anonimo figlio maggiorenne può cercare madre

(VITANEWS) – ROMA, 25 GEN – Il figlio maggiorenne nato da parto anonimo ha diritto di tentare di conoscere le sue origini richiedendo al giudice di interpellare la donna che non lo ha riconosciuto al momento del parto. Così’ la Cassazione ha dato una indicazione univoca e chiara ai tribunali dei minori che finora hanno deciso in ordine sparso. I supremi giudici sono intervenuti nel “perdurante silenzio del legislatore” a quasi quattro anni di distanza dalla sentenza 278 della Corte costituzionale che aveva dichiarato illegittime le norme che impediscono, per motivi di privacy, l’interpello della madre. La richiesta di chiarimenti su una materia così delicata è stata sollevata, secondo le norme del procedimento di legittimità, alla Procura della Suprema Corte dall’Associazione dei magistrati per i minorenni e la famiglia. Sotto incarico del Primo presidente Giovanni Canzio le Sezioni Unite hanno pronunciato questo principio data la particolare rilevanza della questione.