Biotestamento: Gigli, Pd conferma svolta eutanasica

Vitanews, 5 APR – “Ogni tentativo volto ad evitare che un paziente possa morire non a causa della sua malattia, ma per disidratazione e denutrizione, è stato respinto dalla strana maggioranza che sostiene questa legge. Nessuno può imporre al paziente di non mettere in atto scelte suicidarie, ma è assurdo pretendere che il medico sia obbligato ad aiutarlo in questa scelta. Ed è disastroso che la vocazione alla cura delle strutture sanitarie sia distorta a tal punto da trasformarle nel luogo per compiere un gesto così estremo”. Lo dichiara in una nota il deputato Gian Luigi Gigli, presidente del Movimento per la Vita.

“Si è arrivati a bocciare perfino emendamenti proposti da deputati del Pd che – sottolinea Gigli -, a scrutinio segreto e senza rimettere in discussione il testo della legge, introducevano almeno criteri di valutazione della proporzionalità delle cure e di verifica dell’efficacia di idratazione e nutrizione assistite nel mantenere l’equilibrio metabolico del paziente. Il richiamo distorto e improprio, da parte di alcuni deputati cattolici del PD, a citazioni ‘pro domo sua’ del magistero della Chiesa, giunge dunque del tutto a sproposito, quasi che avessero bisogno di trovare un alibi al rimorso di coscienza per aver seguito pedissequamente la disciplina di partito”.

Massimo Magliocchetti

Laureando in Giurisprudenza con una tesi in diritto del lavoro dal titolo "Maternità e lavoro. La protezione della lavoratrice madre nell'ordinamento italiano". Appassionato di bioetica e biodiritto, amo il fumo lento della pipa. Volontario del Movimento per la Vita, da novembre 2016 sono Responsabile dei Giovani di Roma e provincia del MpV. Scrivo per servizio e passione. Email: massimo.magliocchetti@vitanews.org