Trump: Olanda e Belgio contro i piani Usa anti-aborto

(ANSA) – BRUXELLES, 26 GEN – Il governo olandese intenzione di lanciare un fondo internazionale per finanziare l’accesso all’aborto ed il controllo delle nascite nei paesi in via di sviluppo, in risposta all’annuncio che l’amministrazione Trump non finanzierà più le organizzazioni internazionali che sostengono l’aborto. L’iniziativa e’ stata presentata ieri dalla ministra olandese per il commercio e lo sviluppo, Lilianne Ploumen, ed il suo omologo belga, ha prontamente sostenuto l’iniziativa specificando che il Belgio parteciperà al fondo. “Vietare l’aborto non ha ridotto il numero degli aborti. Ha solo condotto a pratiche irresponsabili nei retrobottega e ad un maggior numero di madri morte” ha affermato Ploumen in una dichiarazione scritta, aggiungendo che la decisione della nuova amministrazione americana rischia di minare i progressi fatti nella salute delle donne. “Non dobbiamo permettere che avvenga” ha aggiunto. Dichiarando il “pieno sostegno” del Belgio all’iniziativa del governo olandese, De Croo ha detto che “questa decisione della Casa Bianca ha un impatto immediato sulle vite di milioni di ragazze e di donne nei paesi in via di sviluppo. Il Belgio già sostiene autonomamente programmi per il controllo delle gravidanze delle adolescenti in Mali e Niger e lavora con le Nazioni Unite per la pianificazione familiare in Guinea. De Croo ha martellato sull’aspetto controproducente dell’iniziativa americana: “Le ricerche hanno dimostrato che mettere fine al sostegno di questo tipo di organizzazioni porta ad un minor uso di contraccettivi ed aumenta il numero degli aborti, col risultato che molte teenager saranno segnate a vita o la perderanno, la vita”