Bimbo abbandonato a Terni, Casini Bandini: “Serve alternativa alla solitudine delle mamme”

Vitanews, 3 AGO –  “Frutto della disperazione e della solitudine, il nuovo dramma del neonato trovato senza vita in un sacchetto di plastica nella periferia di Terni, interpella tutta la società, istituzioni comprese. É evidente che molto di piú si deve fare per far conoscere la possibilità di partorire in ospedale mantenendo l’anonimato della madre. É chiaro che molto probabilmente é mancata una prossimità fatta di condivisione e sostegno nei confronti di questa mamma vittima anche lei del suo gesto. Ma questa vicenda ci porta anche a riflettere sul supremo abbandono, quello dei bambini cui é impedito di nascere. “Supremo”perché legalmente giustificato e presentato come “servizio” sanitario, come “diritto” e “progresso”. “Supremo”, perché si rifiuta su di lui lo sguardo che ne riconosce la piena umanità. É necessario insistere tenacemente ad agire sul piano culturale e su quello assistenziale perché ad ogni bimbo sia garantito il diritto di vivere e ad ogni mamma la serenità che nasce e dal sapere che ogni sua difficoltà può trovare soluzione in una società pronta ad accogliere lei e il suo bambino”. Lo dichiara in una nota Marina Casini Bandini, Presidente del Movimento per la Vita italiano.

Massimo Magliocchetti

Laureato in Giurisprudenza con 110/110 e Lode, con una tesi in bioetica del lavoro dal titolo "Maternità e lavoro. La protezione della lavoratrice madre nell'ordinamento italiano". Appassionato di bioetica e biodiritto, amo il fumo lento della pipa. Volontario del Movimento per la Vita, da novembre 2016 sono Responsabile dei Giovani di Roma e provincia del MpV. Scrivo per servizio e passione. Email: massimo.magliocchetti@vitanews.org