Biotestamento, la Cei boccia legge: inadatta per sofferenti

Vitanews , 14 DIC – “La valutazione non e’ positiva, non possiamo riconoscerci in questo testo”. Cosi’, all’ANSA, il direttore dell’Ufficio Cei per la Salute, don Massimo Angelelli, sulla legge sul biotestamento, che a suo dire “tutela i medici sollevandoli da ogni responsabilita’, tutela le strutture sanitarie pubbliche, tenta di ridurre la medicina difensiva spostando sul malato l’onere della responsabilita’ delle scelte, ma sembra poco efficace nella tutela dei sofferenti. Sono molte le incertezze nella applicabilita’ di questa legge”.