Strasburgo proroga la vita di Charlie Gard. Giovedì veglia davanti all’Ambasciata Britannica

Steadfast aderisce pienamente alla veglia organizzata da CitizenGo Italia, che si terrà giovedì alle ore 20:30 davanti all’Ambasciata Britannica a Roma per sostenere il diritto alla vita del piccolo Charlie Gard.

Vitanews, 14 GIU – E’ di oggi la notizia che giudici della Corte Europea per i Diritti dell’Uomo di Strasburgo, hanno deciso di rimandare a lunedì 19 giugno la scelta sul distacco o meno della macchina per la respirazione e la nutrizione assistita, che permette a Charlie Gard di continuare a lottare. I genitori Chris e Connie, si sono rivolti a Strasburgo sperando in una decisione favorevole dei giudici europei che permetta al piccolo Charlie di provare una cura sperimentale negli Stati Uniti.

Il bambino di dieci anni è affetto da una rara malattia genetica e due corti inglesi, su istanza dei medici del Grand Ormond Hospital di Londra dove Charlie è ricoverato, hanno decretato l’obbligo di sospendere le terapie e sostegni vitali, contrariamente al volere dei genitori.

“Siamo speranzosi per questa proroga della Corte Europea per i Diritti dell’Uomo. Per questo motivo, giovedì sera, saremo presenti anche noi davanti all’ambasciata britannica a Piazza di Porta Pia in Roma. saremo presenti per ribadire che la decisione di abbandono terapeutico nei confronti del piccolo Charlie, è inammissibile. E’ assurdo vedere che uno Stato può arrogarsi il diritto di decidere della vita o della morte di un essere umano. Invitiamo quindi ad una mobilitazione di tutti gli amici romani e dell’hinterland laziale.” – afferma Emmanuele Di Leo, presidente di Steadfast Onlus.