Apg23, a Legnago incontro per capire il fenomeno della prostituzione

Incontro pubblico con esperti e operatori in prima linea, per capire il fenomeno della prostituzione e le possibili soluzioni.

Chi sono le giovani donne, a volte minorenni, che vediamo prostituirsi lungo le strade delle nostre città? Da dove vengono e perché sono finite sulla strada? Chi c’è dietro il mercato della prostituzione e quali possibilità abbiamo di fermarlo?

Lunedì 5 giugno, alle 21, a Legnago in sala civica (Via Matteotti 6) un incontro organizzato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII in collaborazione con la Vicaria di Legnago, con il patrocinio del Comune di Legnago, approfondirà il tema “ Prostitute? Conoscere per fermare la tratta e lo sfruttamento” con persone in prima linea nell’aiuto di chi è vittima del racket della prostituzione.

Irene Ciambezi , giornalista modenese, da anni si occupa di questi temi, non solo sul piano professionale ma anche accogliendo in casa propria le vittime di tratta. Da poche settimane ha pubblicato un libro ( Non siamo in vendita – Sempre Comunicazione, aprile 2017) che indaga in particolare sull’enorme aumento di minorenni nigeriane indotte alla prostituzione.

Michela Trarivi , educatrice professionale, è responsabile dell’Unità di strada che a Legnago e Verona va ad incontrare le vittime della prostituzione, per offrire loro vicinanza e una via d’uscita. Racconterà la situazione nel territorio e aiuterà a dare un nome, un volto e una storia a queste donne.

Giorgio Malaspina è coordinatore della Campagna nazionale “Questo il mio corpo” ( www.questoeilmiocorpo.org ) promossa dalla Comunità Papa Giovanni XXIII per sensibilizzare l’opinione pubblica e stimolare le istituzioni pubbliche a contrastare la tratta ai fini di prostituzione agendo soprattutto sul fronte della domanda, i cosiddetti “clienti”. Spiegherà le caratteristiche di questo fenomeno e quali sono le soluzioni che si sono dimostrate più efficaci.

È prevista anche la testimonianza (dal vivo o in video) di una o più vittime recentemente liberate dal racket della prostituzione.

L’incontro ha avuto l’adesione di una trentina di associazioni del territorio operative sul fronte sociale e culturale.

Scarica la locandina dell’evento .

Per informazioni
0442 25174
348 8015978