Aborto, Gigli: Movimento per la Vita ricorrerà al Tar contro RU486 nei consultori del Lazio

Vitanews, 5 APR – “Dopo i concorsi riservati per medici non obiettori di coscienza, ora si è inventato anche l’aborto chimico in consultorio. Peccato che l’iniziativa cozzi sia contro la legge 405/1975, istitutiva dei consultori familiari, che contro la legge 194/78 che ha legalizzato l’IVG. La legge 405/1975, all’art. 1, attribuisce ai consultori il compito di tutelare non solo la salute della donna, ma anche quella del concepito. Dal canto suo, la 194, mentre impone che l’IVG sia praticata da un ostetrico-ginecologo solo presso un ospedale o una casa di cura, ha assegnato ai consultori anche il compito di fornire alle gestanti informazione e assistenza per contribuire  a far superare le cause che potrebbero indurre la donna ad abortire. Con questa decisione, la giunta Zingaretti si conferma tra le più ostili alla vita nascente. Il Movimento per la Vita Italiano sta studiando l’ipotesi di contrastarla ricorrendo al Tar”. Lo dichiara il Presidente del Movimento per la Vita Italiano, Gian Luigi Gigli.

Massimo Magliocchetti

Laureato in Giurisprudenza con 110/110 e Lode, con una tesi in bioetica del lavoro dal titolo "Maternità e lavoro. La protezione della lavoratrice madre nell'ordinamento italiano". Appassionato di bioetica e biodiritto, amo il fumo lento della pipa. Volontario del Movimento per la Vita, da novembre 2016 sono Responsabile dei Giovani di Roma e provincia del MpV. Scrivo per servizio e passione. Email: massimo.magliocchetti@vitanews.org