Ellaone,Gigli: da Aifa ‘bugiardino’ fuorviante a vantaggio del produttore

Vitanews, 27 MAR – “Il boom delle vendite di ‘ellaOne’ evidenzia, se ce ne fosse bisogno, il fallimento della procreazione responsabile in Italia. La pillola dei giorni dopo, infatti, non è un contraccettivo, ma un antinidatorio, un farmaco cioè che rende inospitale l’utero ad accogliere l’annidamento dell’embrione. Che questo sia il meccanismo d’azione del farmaco, è confermato con chiarezza dallo studio del gruppo di Fernando Larrea Gallo, in corso di stampa sulla importante rivista ‘Molecular and Cellular Endocrinology’ e già disponibile on line. Nel foglietto illustrativo che ne accompagna la vendita, si continua invece a parlare di un effetto antiovulatorio. Il tutto con la complicità di AIFA che, autorizzandone il contenuto fuorviante, lo ha trasformato davvero in un bugiardino, impedendo alle utilizzatrici di conoscere l’azione abortiva molto precoce del farmaco. A guadagnarci non è la libertà di scelta delle donne, ma soltanto il fatturato della casa produttrice del farmaco”. E’ quanto si legge in una nota dell’On. Gian Luigi Gigli, presidente del Movimento per la Vita Italiano, a commento del dossier pubblicato oggi dal Corriere della Sera sull’aumento record di vendite della pillola dei 5 giorni dopo.

Massimo Magliocchetti

Laureato in Giurisprudenza con 110/110 e Lode, con una tesi in bioetica del lavoro dal titolo "Maternità e lavoro. La protezione della lavoratrice madre nell'ordinamento italiano". Appassionato di bioetica e biodiritto, amo il fumo lento della pipa. Volontario del Movimento per la Vita, da novembre 2016 sono Responsabile dei Giovani di Roma e provincia del MpV. Scrivo per servizio e passione. Email: massimo.magliocchetti@vitanews.org