Germania, suicidio assistito: Corte Costituzionale Federale deciderà sul fine vita

Karlsruhe. La Corte Costituzionale Federale tedesca sta pensando di rispondere nel corso di quest’anno all’oltre una dozzina di ricorsi costituzionali contro la nuova legge sul suicidio assistito. Secondo quanto riportato dal Deutsche Ärzteblatt, rivista medica specializzata, è molto probabile anche una trattazione orale. Con questa scelta i giudici vorrebbero evidenziare la portata sociale del dibattito circa il suicidio assistito.

Contro la legge sul suicidio assistito varata dal Bundestag nel tardo autunno 2015 sono stati presentati diversi ricorsi da parte di associazioni per il suicidio assistito, medici palliativi e pazienti con malattie mortali che ritengono la legge troppo restrittiva. Ma anche l’organizzazione “Nessun suicidio assistito in Germania”, formata da medici di fama, si è rivolta alla Corte. Questi medici ritengono la legge non sufficientemente severa e poi inconciliabile con l’etica ippocratica. La legge infatti punisce solamente l’assistenza al suicidio a carattere commerciale (geschäftsmäßig) o su base associativa, mentre rimane non esplicitamente coperta dal divieto penale la scelta adottata caso per caso. Prima del varo della legge qualsiasi tipo di concorso al suicidio non era perseguibile penalmente.

Qui la notizia sul sito del Bundestag.

Il testo del disegno di legge è reperibile al seguente link.

Angelo Nicotra

Curatore degli articoli tradotti in lingua straniera, mi sono laureato in Lingue e Letterature Straniere a Roma. angelo.nicotra@vitanews.org